Dove Investire nel 2024: ETF di Robotica e Intelligenza Artificiale

L’intelligenza artificiale (AI) e la robotica sono tutt’altro che nuove e gli investitori hanno accesso ai relativi titoli e fondi da anni. Questo 2024 molti risparmiatori si sono buttati sulle azioni di AI,ma ci sono anche gli ETF da poter sfruttare.

I rapidi sviluppi di entrambe le tecnologie hanno apparentemente trasformato il presente in un punto cruciale per i rispettivi settori – e per le prospettive future della robotica e degli ETF sull’intelligenza artificiale.

Se prendi in considerazione qualsiasi mezzo finanziario, potresti aver sentito parlare di intelligenza artificiale più nell’ultimo anno che in tutta la tua vita. Considera questo: tra il 15 dicembre e il 14 marzo, secondo John Butters , analista senior degli utili di FactSet, le società dell’indice S&P 500 hanno menzionato l’intelligenza artificiale 179 volte durante le loro dichiarazioni sugli utili del quarto trimestre. Questo è stato il secondo numero più alto di menzioni di AI mai registrato, con il maggior numero (181) avvenuto nel secondo trimestre del 2023.

Tra i motivi? La crescita selvaggia dei chatbot basati sull’intelligenza artificiale. Il chatbot ChatGPT di Open AI ha superato 1 milione di utenti appena cinque giorni dopo il suo lancio a fine novembre 2022 e ha raggiunto 100 milioni di utenti attivi mensili entro gennaio: un’impresa che, secondo UBS, ha reso ChatGPT l’applicazione consumer in più rapida crescita di sempre.

Non si tratta solo di ChatGPT, tuttavia: l’intero settore dell’intelligenza artificiale è pronto per una crescita vertiginosa. Secondo le stime di Grand View Research , si prevede che il settore dell’intelligenza artificiale aumenterà da circa 197 miliardi di dollari nel 2023 a 1,8 trilioni di dollari entro il 2030, con un tasso di crescita annuale composto del 37%. “La continua ricerca e innovazione diretta dai giganti della tecnologia stanno guidando l’adozione di tecnologie avanzate nei settori verticali, come quello automobilistico, sanitario, al dettaglio, finanziario e manifatturiero”, afferma Grand View.
Si stima che la robotica industriale, anche se più docile al confronto, aumenterà da 30 miliardi di dollari a oltre 60 miliardi di dollari (~ 11% CAGR) nello stesso arco di tempo, aggiunge Grand View Research.

Senza dubbio, molti investitori stanno prendendo sempre più in considerazione l’idea di perseguire tale crescita, ma il modo in cui lo si fa è importante. Potresti considerare i singoli titoli dell’intelligenza artificiale , ma se effettui scommesse concentrate sbagliate, potresti perdere molto anche se l’intelligenza artificiale continua a decollare. E potresti prendere in considerazione la ricerca dei migliori ETF da acquistare nel settore tecnologico più ampio che abbia una certa esposizione all’intelligenza artificiale, anche se rischi di annacquare la tua esposizione ai settori dell’intelligenza artificiale e della robotica.

Forse la soluzione migliore, quindi, è investire in ETF sulla robotica e sull’intelligenza artificiale – e oggi vi presenteremo sette di questi fondi. Ogni ETF offre il proprio punto di vista unico su questi settori esplosivi, quindi prendi nota delle loro differenze quando determini quale fondo è il tuo modo ideale di investire in questo settore.

ETF (simbolo)Risparmio gestitoSpese
Global X Artificial Intelligence & Technology ETF (AIQ)$1.6 miliardi0.68%
ROBO Global Artificial Intelligence ETF (THNQ)$176.7 miliardi0.68%
ROBO Global Robotics & Automation Index ETF (ROBO)$1.4 miliardi0.95%
First Trust Nasdaq Artificial Intelligence and Robotics ETF (ROBT)$557.2 miliardi0.65%
iShares Robotics and Artificial Intelligence Multisector ETF (IRBO)$659.8 miliardi0.47%
Global X Robotics & Artificial Intelligence Thematic ETF (BOTZ)$2.9 miliardi0.69%
VanEck Robotics ETF (IBOT)$9.9 miliardi0.47%
Dove Investire nel 2024: ETF di Robotica e Intelligenza Artificiale

Cos’è un ETF?

Ecco una spiegazione approfondita su cosa sono gli ETF, come funzionano e quali sono i loro vantaggi:

Cos’è un ETF (Exchange Traded Fund)?

  • Fondo di investimento quotato in borsa: Un ETF è un tipo di fondo d’investimento che viene scambiato in borsa proprio come le normali azioni. Ciò significa che puoi comprare e vendere quote di un ETF in qualsiasi momento durante le ore di mercato.
  • Replica di un indice: Gli ETF sono progettati per replicare fedelmente l’andamento di un indice di riferimento (benchmark). Un indice è un insieme di titoli (come azioni o obbligazioni) selezionati in base a regole specifiche. Ad esempio, un ETF potrebbe replicare l’indice FTSE MIB (che comprende le principali aziende italiane) o l’indice S&P 500 (che comprende le 500 aziende più grandi negli Stati Uniti).
  • Gestione passiva: a differenza dei fondi a gestione attiva, gli ETF non hanno un gestore che cerca di battere il mercato selezionando i singoli titoli. L’obiettivo è semplicemente quello di seguire l’indice nel modo più fedele possibile.

Come funzionano gli ETF

  1. Creazione: Un gestore di fondi crea un ETF e decide l’indice di riferimento. Il gestore acquista poi i titoli all’interno dell’indice per costituire il portafoglio dell’ETF.
  2. Quotazione in borsa: Le quote dell’ETF vengono quotate in borsa e possono essere comprate e vendute dagli investitori come un’azione.
  3. Replica dell’indice: Il prezzo dell’ETF cambia durante il giorno in base al valore dei titoli sottostanti. Questo fa sì che il rendimento dell’ETF segua da vicino quello dell’indice di riferimento.

Vantaggi degli ETF

  • Diversificazione: Un singolo ETF permette di investire in un paniere diversificato di titoli, che riduce il rischio rispetto all’investimento in singole azioni.
  • Bassi costi: Gli ETF sono fondi a gestione passiva, quindi hanno commissioni di gestione più basse rispetto ai fondi a gestione attiva.
  • Trasparenza: Sai sempre quali titoli sono contenuti all’interno di un ETF, poiché replicano un indice pubblico.
  • Liquidità: Puoi acquistare o vendere quote di ETF in qualsiasi momento durante la giornata di borsa.

Considerazioni prima di investire

Come ogni strumento di investimento, anche gli ETF presentano dei rischi. È importante comprendere l’indice che il fondo replica e le relative caratteristiche di rischio dell’asset class (azioni, obbligazioni, materie prime, etc.), prima di prendere una decisione di investimento.

ETF Global X su intelligenza artificiale e tecnologia


Patrimonio in gestione: 1,6 miliardi di dollari
Spese: 0,68% o $ 68 all’anno per ogni $ 10.000 investiti


Prima di immergerci in questi fondi negoziati in borsa, una breve nota. Anche se ci sono molte sovrapposizioni tra il mondo dell’intelligenza artificiale e quello della robotica, gli ETF differiscono per quanto si concentrano sull’uno, sull’altro o su entrambi. Inizieremo con fondi principalmente incentrati sull’intelligenza artificiale, passeremo alla robotica mista e agli ETF sull’intelligenza artificiale, per poi finire con gli ETF specifici sulla robotica.

Il nostro primo ETF specifico per l’intelligenza artificiale è il Global X Artificial Intelligence & Technology ETF ( AIQ ), un fondo di cinque anni che investe sia in società che stanno sviluppando prodotti e servizi di intelligenza artificiale, sia in società responsabili di hardware che aiuta facilitare l’intelligenza artificiale per gli usi dei big data.

Il risultato è un portafoglio di circa 80 azioni composto da tre tipologie di società:

  • IA focalizzata sul consumatore, come Meta Platforms e Netflix ( NFLX )
  • Servizi back-end AI, come Salesforce ( CRM ) e Oracle ( ORCL )
  • Produttori di hardware, come i titoli di semiconduttori Nvidia e Broadcom ( AVGO )

Come puoi vedere, c’è una forte inclinazione verso i titoli a mega capitalizzazione e adatti ai principianti , che certamente calmeranno gli investitori preoccupati di investire in titoli di nicchia meno stabili.

Ma la composizione di AIQ ci fornisce anche un’altra ragione per cui gli ETF tecnologici semplici non sono il modo giusto per catturare i temi dell’intelligenza artificiale e della robotica.

Oltre al fatto che anche un fondo del settore tecnologico conterrà molte aziende che non si occupano di intelligenza artificiale, quel tipo di fondo non catturerà nemmeno gli altri settori coinvolti nell’intelligenza artificiale. Vale a dire, mentre AIQ ha il 65% dei suoi asset in titoli tecnologici , ha anche un altro 13% in titoli di servizi di comunicazione , l’11% in beni di consumo voluttuari, l’8% in titoli industriali e una spruzzata di titoli sanitari e finanziari.

Un’altra cosa degna di nota è che AIQ offre una certa diversificazione geografica. Oltre il 70% del fondo ha sede negli Stati Uniti, ma detiene anche azioni di altri 10 paesi, tra cui Cina (7%), Irlanda (4%) e Corea del Sud (4%).

ROBO ETF globale sull’intelligenza artificiale


Patrimonio in gestione: 176,7 milioni di dollari
Spese: 0,68%


Un’altra scommessa degna di nota è il relativamente giovane ROBO Global Artificial Intelligence ETF ( THNQ ), lanciato a maggio 2020.

Come con AIQ, THNQ si concentra sia sulle aziende che portano l’intelligenza artificiale alle masse e ad altre attività, sia sulle aziende i cui prodotti rendono possibile l’intelligenza artificiale. In effetti, THNQ suddivide il suo portafoglio di circa 60 titoli di intelligenza artificiale in due gruppi principali:

  • Infrastrutture (60%) , che comprende aziende che vanno dai fornitori di big data e cloud ai produttori di semiconduttori
  • Applicazioni e servizi (38%) , che comprende e-commerce, servizi di consulenza, automazione industriale e altro ancora

Ma ciascuna di queste aziende deve spuntare diverse caselle per essere considerata realmente legata all’intelligenza artificiale. Tra le altre cose, devono disporre di un elevato livello di investimenti destinati all’intelligenza artificiale, alla leadership tecnologica e in termini di entrate e ad un’elevata purezza delle entrate derivanti dall’intelligenza artificiale.

Microsoft ( MSFT ), una delle holding di THNQ, è senza dubbio considerata un leader dell’intelligenza artificiale più di quanto lo sia mai stata dopo aver lanciato la sua Bing AI basata su ChatGPT all’inizio del 2023. Shopify ( SHOP ) utilizza pesantemente l’intelligenza artificiale per personalizzare le esperienze del sito web. Fair Isaac ( FICO ), il nome dietro i punteggi di credito FICO , utilizza l’intelligenza artificiale per potenziare il suo punteggio di credito e le sue offerte di analisi predittiva.

Il portafoglio di THNQ è un po’ più incentrato sugli Stati Uniti con l’80% degli asset, ma anche le azioni di Taiwan (7%), Cina (4%), Israele (3%) e altri paesi svolgono un ruolo.

ROBO Global Robotics & Automation Index ETF


Patrimonio in gestione: 1,4 miliardi di dollari
Spese: 0,95%


Inizieremo il nostro sguardo agli ETF più “misti” sulla robotica e sull’intelligenza artificiale con il nonno di tutti, per così dire: il ROBO Global Robotics & Automation Index ETF ( ROBO ), lanciato nell’ottobre 2013.

Come suggerisce il nome, ROBO non è un puro fondo di intelligenza artificiale (né lo sono la maggior parte degli ETF sull’intelligenza artificiale). Il fondo si rivolge invece a “aziende globali che stanno guidando innovazioni trasformative nel campo della robotica, dell’automazione e dell’intelligenza artificiale (RAAI)”.

Quindi, sebbene l’intelligenza artificiale sia parte del gioco, è proprio questo: parte .

Non è neanche una parte importante. Il ROBO ETF, come THNQ, divide il suo portafoglio in due segmenti principali: Applicazioni (59%) e Tecnologie (41%), ciascuno dei quali ha diversi sottogruppi al suo interno. Il sottogruppo Computing, Processing e AI costituisce solo il 12% del portafoglio. Questo è dietro l’automazione sanitaria e logistica al 15% ciascuno, con i massimi manifatturieri e industriali al 16%.

Puoi vedere quanto ROBO sia di natura industriale attraverso quanto sopra e altri raggruppamenti, come l’automazione dei processi aziendali, il rilevamento, l’integrazione e persino la stampa 3D.

ROBO detiene quasi 80 azioni, tra cui la società di chirurgia robotica Intuitive Surgical ( ISRG ), lo specialista svizzero di stoccaggio e recupero automatizzato Kardex Holding e il leader giapponese della robotica Fanuc ( FANUY ). In effetti, si vedono molti titoli internazionali in ROBO – un fondo veramente “globale” con solo il 44% degli asset dedicati alle aziende statunitensi. Il Giappone (21%) si colloca al primo posto, seguito da Taiwan (8%), Germania (8%) e circa una dozzina di altri paesi.

Tieni presente che questa maggiore esposizione internazionale ha un costo: ROBO è l’ETF sull’intelligenza artificiale più costoso in questo elenco, con una commissione annuale dello 0,95%.

Primo Trust Nasdaq ETF sull’intelligenza artificiale e la robotica


Patrimonio in gestione: 557,2 milioni di dollari
Spese: 0,65%


Il First Trust Nasdaq Artificial Intelligence and Robotics ETF ( ROBT ) lo rivela nel nome: questo non è nemmeno un ETF sull’intelligenza artificiale puro.

Ma in questo ETF il pendolo oscilla sicuramente più verso l’intelligenza artificiale, che è decisamente più pesante nelle aziende tecnologiche. Nello specifico, circa il 60% degli asset è investito nel settore tecnologico, un altro 10% in titoli di beni di consumo voluttuari e un 3% in servizi di comunicazione. Tuttavia, una buona parte degli asset è dedicata al settore industriale (20%) e il resto è sparso tra titoli sanitari, immobiliari e di consumo di base .

ROBT cerca di investire in tre tipi di aziende coinvolte nell’intelligenza artificiale, nella robotica o nell’automazione:

  • Abilitatori (sviluppare gli elementi costitutivi)
  • Coinvolgitori (progettare, creare, integrare o fornire tramite prodotti, software o sistemi)
  • Miglioratori (forniscono servizi all’interno dell’ecosistema, ma non sono fondamentali per le loro offerte)

Il fondo assegna un punteggio alle aziende in base al loro coinvolgimento in una di queste categorie, quindi compone il portafoglio con il 60% di peso in Engagers, il 25% per Enablers e il 15% per Enhancers. Le azioni hanno lo stesso peso all’interno di ciascuna categoria, quindi il rischio del singolo titolo è minimo. Il peso maggiore in questo momento, ad esempio, è quello della società tecnologica di guida autonoma Mobileye Global ( MBLY ) al 2,2%. Altre partecipazioni includono il produttore di sistemi robotici AeroVironment ( AVAV ) e il titolo di sicurezza informatica con sede nel Regno Unito Darktrace.

Si tratta di un portafoglio più ampio rispetto alla maggior parte degli ETF AI, con quasi 110 azioni. Ed è anch’esso di natura globale, con circa la metà del suo patrimonio investito in azioni estere provenienti dal Giappone (13%), dal Regno Unito (7%), dalla Francia (4%) e da alcuni altri paesi.

iShares ETF multisettoriale sulla robotica e l’intelligenza artificiale


Patrimonio in gestione: 659,8 milioni di dollari
Spese: 0,47%


L’ ETF multisettoriale iShares Robotics and Artificial Intelligence ( IRBO ) è costruito in modo simile a ROBT: sebbene non sia un ETF AI puro, fornisce una maggiore esposizione al tema rispetto ai primi due prodotti che abbiamo evidenziato.

IRBO è un fondo indicizzato che investe in quattro tipi di società che si aspettano siano coinvolte in quella che, secondo loro, “potrebbe diventare la quarta rivoluzione industriale”:

  • Sviluppatori di robotica
  • Abilitatori della robotica
  • Sviluppatori IA
  • Abilitatori IA

Concentrandosi su questi ultimi due, iShares indica alcuni esempi di come potrebbero apparire queste società. Meta Platforms, società madre di Facebook, ad esempio, è uno sviluppatore di intelligenza artificiale che ha messo insieme un sistema di intelligenza artificiale conversazionale che può essere utilizzato in tutta la sua famiglia di app. Questa tecnologia consente agli esseri umani di parlare o dare comandi ai propri dispositivi personali. Evidenzia inoltre Atos come abilitatore, poiché i suoi servizi cloud “forniscono soluzioni sicure e ad alte prestazioni per l’apprendimento automatico e le applicazioni di intelligenza artificiale”.

Il settore tecnologico brilla nell’IRBO con il 56% del portafoglio, e le comunicazioni detengono un altro 18% degli asset. Qui i settori industriali hanno un ruolo minore, con appena il 16% degli asset, mentre il resto è destinato ai consumi voluttuari, al settore finanziario e sanitario. Anche questo ETF sull’intelligenza artificiale è geograficamente diversificato, con gli Stati Uniti che detengono il 54% delle partecipazioni. È interessante notare che la Cina assume qui il ruolo di leader internazionale, con l’11% delle partecipazioni. Il Giappone rappresenta un altro 10%.

Forse la cosa più notevole di IRBO è il suo rapporto di spesa dello 0,47%, legato al nostro fondo finale per le commissioni più basse tra questi fondi per la robotica e l’intelligenza artificiale.

ETF tematico Global X su robotica e intelligenza artificiale


Patrimonio in gestione: 2,9 miliardi di dollari
Spese: 0,69%


L’ ETF tematico Global X Robotics & Artificial Intelligence ( BOTZ , $ 31,82) è stato lanciato pochi anni dopo ROBO, nel 2016, ma a questo punto è un nome veterano nel settore. E nonostante ciò che potrebbe suggerire il nome, BOTZ si appoggia maggiormente alla robotica e all’automazione industriale.

Global X non definisce esplicitamente l’intelligenza artificiale come settore, sebbene esistano chiari collegamenti con l’intelligenza artificiale, tra cui Nvidia e il produttore di robot-aspirapolvere iRobot ( IRBT ). Tuttavia, questo portafoglio ristretto di partecipazioni sotto i 50 titoli è molto più consistente in titoli di robotica, tra cui aziende del calibro dell’azienda svizzera di tecnologia industriale ABB ( ABB ), del produttore giapponese di sensori Keyence ( KYCCF ) e della società americana di visione artificiale Cognex ( CGNX ).

Ancora una volta, c’è una sovrapposizione: tutte e tre le aziende rivolte all’industria coinvolgono elementi di intelligenza artificiale, ma sono meno “veri” giochi di intelligenza artificiale e più nel campo della robotica.

E, come si può vedere dalle partecipazioni di cui sopra, BOTZ è un altro ETF AI geograficamente diversificato. Circa il 55% delle sue partecipazioni sono negli Stati Uniti, il 26% in Giappone e un altro 10% in Svizzera; il resto del portafoglio è sparso in altri sette paesi.

Vale anche la pena notare l’elevata concentrazione di singoli titoli di BOTZ ai vertici del portafoglio. Nvidia costituisce da sola il 9% degli asset, mentre Intuitive Surgical, ABB e Keyence rappresentano ciascuna l’8%.

Tuttavia, Robotica e intelligenza artificiale di Global X rappresentano una forte offerta da parte di un leader negli ETF tematici.

ETF VanEck Robotics


Patrimonio in gestione: 9,9 milioni di dollari
Spese: 0,47%


Il nostro ETF finale è un fondo specifico per la robotica, e per di più un fondo giovane.

L’ ETF VanEck Robotics ( IBOT ), lanciato il 5 aprile 2023, cerca di replicare la performance dell’indice BlueStar Robotics, che tiene traccia delle aziende coinvolte nella robotica.

“I progressi nella tecnologia e nell’efficienza continuano a ridurre i costi e a rendere i robot molto più capaci. Sempre più aziende trovano vantaggioso implementare i robot a causa dei costi ridotti e delle capacità migliorate”, afferma VanEck nel suo profilo del fondo IBOT .

Per catturare questa automazione industriale, IBOT detiene aziende che generano almeno il 50% dei propri ricavi da uno o più dei numerosi sottotemi considerati parte dell’universo investibile. Questi includono:

  • Produzione di robotica o sistemi di automazione industriale
  • Produzione additiva o stampa 3D
  • Software relativi alla robotica o alla produzione e software di progettazione assistita da computer (CAD).
  • Tecnologia di visione artificiale
  • Sistemi chirurgici robotici
  • Sistemi di produzione di semiconduttori

Da notare: IBOT può anche investire fino al 20% delle sue attività in società che offrono chip di apprendimento automatico integrati e generano almeno il 25% dei ricavi dai sottotemi di robotica di cui sopra.

La tecnologia è il settore più importante con il 59%, seguito da quello industriale con il 33% e da una manciata di titoli di beni di consumo voluttuari, sanitari ed energetici . Il portafoglio di quasi 70 partecipazioni include molti degli stessi nomi che compaiono in altri ETF sull’intelligenza artificiale in questo elenco: Nvidia, Keyence, Siemens ( SIEGY ) e ABB sono tra le principali partecipazioni di IBOT.

E ancora, stai ottenendo molta visibilità internazionale immergendoti nella robotica e nello spazio dell’intelligenza artificiale. Gli Stati Uniti rappresentano poco più della metà del patrimonio, seguiti da una grande partecipazione in azioni giapponesi (21%), nonché azioni di società tedesche (6%) e svizzere (7%), tra gli altri paesi.

Per approfondimenti ed altre info sugli investimenti

vai a: finanza.economia-italia.com

Ti potrebbe interessare:


Le azioni di Aprile

BTP Valore di Maggio

Azioni Bancarie

/ 5
Grazie per aver votato!